Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

pon

Sul letto, un copione in mano, mente concentrata, la copertina colpisce: titolo assai indecifrabile ma molto curioso.

E arriva il giorno più atteso e temuto.

Tutto buio, luci spente, un bagliore sul palco antistante illumina la tetra atmosfera: incredulità e ammirazione ad accompagnare gli “artisti” sul palco.
Scene improvvise, movimenti a destra e a sinistra, lo stupore generale come scenografia perfetta: il silenzio assordante si prende il ruolo di protagonista.

Facce concentrate, ruoli ben precisi, un letto al centro del palco e mille ipotesi nelle menti della gente sembrano incastrarsi alla perfezione.

Salti nella realtà e nella fantasia in ogni scena: a qualcuno sembra di essere tornato indietro nel tempo.

Fra gli applausi scroscianti, un lasso di tempo minimo per voltare pagina e cambiare scenario: ognuno recita al meglio la propria parte.

Una sicurezza disarmante degli attori, professionisti non avrebbero potuto fare di meglio, tutti i ruoli sono importanti e determinanti, la cornice di pubblico è quella giusta e…. manca ancora il gran finale!

Immedesimarsi perfettamente nel personaggio, provare e riprovare le battute giornate intere e fidarsi l’uno dell’altro sono il segreto del gran successo ottenuto.

Un lavoro infinito di tutto il gruppo, dalla fonica alla scenografia, la soddisfazione è tanta, un obiettivo dai molteplici significati è stato portato a termine: divertirsi e far divertire sono stati i punti cardine dello spettacolo.

Come un sogno ad occhi aperti, le emozioni e i pensieri si mescolano nelle menti, abbracci e sorrisi sul palco ma… una standing ovation per tutti non può bastare come segno di gratitudine: carta e penna sono già pronte per un nuovo capitolo.

Che mattinata spettacolare!

 

Gabriele Bisconti

Bad Jokes