pon

Come noto, la nostra Toscana è stata dichiarata “area del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto”, quella che comunemente si chiama “zona rossa”.
Abbiamo tutti sperato per mesi di non dover ritornare in questa condizione, ma purtroppo è successo e adesso tutti noi siamo chiamati a fare la nostra parte non solo come cittadini, ma anche come genitori e insegnanti oltre che come alunni.
Le misure previste per le scuole sono molto severe e richiedono grandi sacrifici, ma faremo di tutto per garantire ai nostri ragazzi il massimo delle opportunità, compatibilmente col rispetto delle regole.

Il dpcm del 3 novembre, per le scuole situate nelle zone rosse, prevede che:
“fermo restando lo svolgimento in presenza della scuola dell’infanzia, della scuola primaria, dei servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 e del primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado, le attività scolastiche e didattiche si svolgono esclusivamente con modalità a distanza. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori  o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, secondo quanto previsto dal decreto del Ministro n. 89 dell’istruzione 7 agosto 2020, e dall’ordinanza del Ministro dell’istruzione  n. 134 del 9 ottobre 2020, garantendo comunque il collegamento on line con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.”
Dunque, adesso, anche gli alunni delle seconde e terze della scuola secondaria di primo grado dovranno frequentare la scuola da casa, con le consuete piccole eccezioni.
Mi sembra opportuno, a questo punto, riassumere la situazione in tutti gli ordini di scuola del nostro istituto.

Scuole dell’Infanzia

I bambini continueranno a frequentare normalmente la scuola. Per loro non è previsto il distanziamento, né l’uso della mascherina, ma ogni sezione viene tenuta nei limiti del possibile separata dalle altre.
Ai bambini viene misurata la temperatura prima di entrare a scuola mediante l’apposito termoscanner e inoltre, nel caso in cui presentino sintomi compatibili con una infezione da covid, viene attivato il relativo protocollo.

Scuole Primarie

I bambini continueranno a frequentare normalmente la scuola, ma dovranno proteggersi indossando la mascherina durante tutto il tempo che passeranno a scuola, ad eccezione del momento dei pasti.
Ai bambini viene misurata la temperatura prima di entrare a scuola mediante l’apposito termoscanner e inoltre, nel caso in cui presentino sintomi compatibili con una infezione da covid, viene attivato il relativo protocollo

Scuole Secondarie di Primo Grado

I ragazzi che frequentano le classi prime continueranno a frequentare normalmente la scuola, ma dovranno proteggersi indossando la mascherina durante tutto il tempo che passeranno a scuola, ad eccezione del momento dei pasti. Verrà loro misurata la temperatura prima di entrare a scuola mediante l’apposito termoscanner e inoltre, nel caso in cui presentino sintomi compatibili con una infezione da covid, sarà attivato il relativo protocollo.
I ragazzi che frequentano le classi seconde e terze frequenteranno la scuola in modalità a distanza, con alcune piccole eccezioni, che permetteranno di garantire in maniera pienamente inclusiva il diritto allo studio dei ragazzi con bisogni educativi speciali, oltre alle lezioni individuali di strumento per i ragazzi dell’Indirizzo musicale, che possono essere considerate a tutti gli effetti attività di tipo laboratoriale necessaria che caratterizza l’indirizzo di studi scelto.
Queste attività in presenza verranno regolamentate nel Collegio dei docenti articolato previsto per mercoledì prossimo, che sarà chiamato a definirne i criteri e a quantificarne la durata. In seguito, alunni e genitori verranno informati in maniera più dettagliata sulle modalità della didattica a distanza integrata.
Nel frattempo, le lezioni delle classi seconde e terze si svolgeranno a distanza secondo il normale orario, ma con la riduzione a 40 minuti prevista dalle linee guida ministeriali, ad eccezione delle lezioni di strumento musicale, che i docenti hanno deciso di continuare in presenza, anche in attesa della formalizzazione di tale modalità da parte del collegio.
A tutti i ragazzi che entreranno a scuola verrà misurata la temperatura col termoscanner e, nel caso in cui presenteranno sintomi compatibili con una infezione da covid, verrà attivato il rel.ativo protocollo.
Tutti dovranno indossare la mascherina per tutto il tempo che saranno a scuola

Scuole Secondarie di Secondo Grado

I ragazzi delle superiori stanno già lavorando a distanza da una settimana.
Nel frattempo, il Collegio dei docenti ha già esaminato la situazione, ha stabilito i criteri di erogazione della didattica e stiamo lavorando alacremente per mettere a punto tutti particolari.
Abbiamo deciso di svolgere in presenza almeno una parte (circa il 50% di quelle previste dai relativi quadri orario) delle attività di laboratorio che caratterizzano gli indirizzi tecnico e professionale, perché alcune attività possono anche essere svolte a distanza, per esempio se si svolgono al computer o se prevedono il disegno.
Nelle altre classi abbiamo previsto una piccola parte di attività in presenza per agevolare l’inclusione dei ragazzi disabili o con bisogni educativi speciali, compresi gli studenti che hanno oggettivamente difficoltà di connessione; anche in quel caso sono possibili alcune attività laboratoriali quando necessarie. Per limitare al massimo la mobilità e per ovvie esigenze di tipo organizzativo, tutte le attività in presenza di ciascuna classe sono concentrate in un unico giorno settimanale, secondo una scansione che è già stata comunicata.
Abbiamo pensato a una sorta di “settimana corta”. Ogni settimana ci sarà un giorno di sospensione delle attività, che cambierà di volta in volta, in modo da garantire l’equilibrio delle restanti attività. Questo serve per ottenere due obiettivi:

  • permettere ai ragazzi una giornata di pausa, perché riteniamo che questa modalità di lavoro sia particolarmente impegnativa e può essere utile avere un giorno da dedicare al riposo o alla rielaborazione individuale e personale del lavoro svolto;
  • consentire agli insegnanti di recuperare le ore, perché l’organizzazione che ci siamo data nei giorni in presenza richiede un notevole impiego di risorse umane.

Infatti, per permettere alle classi di lavorare in sicurezza e in modo intensivo si dovranno dividere i ragazzi in piccoli gruppi e/o prevedere la compresenza di più insegnanti.
Inoltre, tutto questo comporta un grande lavoro “dietro le quinte” dal punto di vista organizzativo, per la preparazione dei materiali e qualche volta anche la necessità di interventi personalizzati su alcuni alunni.
Si tratta di attività difficilmente quantificabili e di conseguenza, per trovare un giusto equilibrio fra tutte queste necessità, abbiamo cercato, in maniera forfettaria e almeno in parte, di calibrare gli impegni di lavoro dei docenti, nel rispetto del loro orario di servizio.
A tutti i ragazzi che entreranno a scuola verrà misurata la temperatura col termoscanner e, nel caso in cui presenteranno sintomi compatibili con una infezione da covid, verrà attivato il relativo protocollo.
Naturalmente tutti dovranno indossare la mascherina per tutto il tempo in cui saranno a scuola.
Concludendo, non posso che augurare a tutti noi che questo momento terribile passi il più presto possibile e ringraziare i nostri alunni per la grande maturità e serietà che dimostrano, i loro genitori per lo spirito di collaborazione e tutto il personale della scuola per l’impegno e la passione che mettono nel loro lavoro, che mai come adesso si rivela difficile e prezioso.

Il Dirigente Scolastico
  Maria Grazia Vitale

Allegati:
FileAutoreDimensione del File
Scarica questo file (Organizzazione_signed.pdf)Organizzazione_signed.pdfMaria Grazia Vitale334 kB